BORSA: commento di chiusura

MILANO (MF-DJ)--Piazza Affari chiude la giornata in rialzo con il Ftse

Mib che segna un 1,91%, in scia alle indiscrezioni di stampa secondo cui

il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, presentera' al Presidente

della Commissione Ue, Jean Claude Juncker, una proposta che prevede un

obiettivo deficit/Pil al 2%.

Calo dello spread sul decennale Btp/Bund che segna quota 273 punti base

(285 pb il massimo di oggi).

Si sono allentate intanto le tensioni tra Usa e Cina. Secondo

indiscrezioni di stampa Pechino potrebbe abbassare le tariffe sulle

importazioni di auto statunitensi al 15% dall'attuale 40%. Inoltre,

secondo Dow Jones Newswires, il Governo cinese sta pianificando una

sostituzione del suo piano industriale Made in China 2025, che

permetterebbe una maggiore partecipazione all'economia locale da parte

delle societa' americane.

A sostenere l'azionario, inoltre, sono state le indicazioni di stampa

secondo cui in Germania si starebbe lavorando a una fusione

Commerzbank-Deutsche Bank per risolvere i problemi della stessa DB.

Sul fronte macro, l'inflazione negli Stati Uniti a novembre è rimasta

invariata a livello mensile ed è cresciuta del 2,2% su base annuale ( 0,1%

m/m e 2,4% a/a il consenso). Inoltre l'indice dei prezzi al consumo core,

attentamente monitorato dalla Fed, e' cresciuto dello 0,2% m/m e del 2,2%

a/a ( 0,2% m/m e 2,2% a/a il consenso).

Resta l'attenzione per questa sera su Londra. Il gruppo parlamentare del

partito conservatore, il 1922 Committee, ha ricevuto dai deputati Tory le

48 lettere necessarie per sfiduciare la premier britannica Theresa May. Il

voto si terrá stasera tra le 19h00 e le 21h00 presso la Camera dei Comuni.

In totale sono 315 i parlamentari conservatori ammessi al voto e il primo

ministro ha bisogno di 158 voti a favore, ovvero la maggioranza semplice,

per vincere. Tuttavia, a poche ore dal voto, si calcolano circa 160

parlamentari del partito conservatore che hanno espresso pubblicamente

sostegno al primo ministro.

A piazza Affari, hanno beneficato del calo dello spread i bancari:

Intesa Sanpaolo ( 4,08%), Unicredit ( 2,49%), Bper ( 1,19%), Banco Bpm

( 0,97%), Ubi B. ( 0,66%). Tra le mid cap bene B.Mps ( 3,7%) mentre

chiude B.Carige a -5,56%.

A Milano, tra le blue chip hanno brillato le utility: Enel ( 2,58%), A2A

( 2,5%), Italgas ( 2,03%), Snam ( 1,18%) e Terna ( 0,84%).

Da segnalare invece tra gli industriali Prysmian che dopo una giornata

debole chiude a 5% a 16,68 euro. Banca Imi ha confermato la

raccomandazione buy sul titolo e il prezzo obiettivo a 22,2 euro.

Si è mossa in netta controtendenza S.Ferragamo, che segna un tonfo del

-7,32% dopo l'annuncio dell'uscita del Cfo e il downgrade da parte di

Kepler Cheuvreux.

Sullo Star, bene Interpump ( 1,8%). Secondo gli esperti di Banca Akros,

nonostante le modeste dimensioni, l'acquisizione di Fluinox sembra

positiva dal punto di vista strategico in quanto si integra perfettamente

con le attivita' di Inoxpa. Pareri positivi anche da Kepler Cheuvreux

secondo cui l'operazione e' "piccola", ma "dimostra ancora una volta le

capacitá di Interpump nell'M&A".

Tra gli altri titoli crollo per Mondo Tv (-41,23%). Due giorni fa il Cda

ha esaminato i dati pre-consuntivi 2018 da cui e' emersa una rettifica di

valore di crediti e un impairment della library che determina una perdita

di esercizio stimabile in circa 39 milioni di euro. Male anche le sue

controllate, Mondo Tv France (-6,9%) e Mondo Tv Suisse (-12,16%).

Sull'Aim Italia negativa Go Internet (-9,58% ). Il Cda ha deliberato di

sottoporre all'approvazione dell'assemblea un aumento di capitale sociale

a pagamento per un importo massimo complessivo di 5.000.000 euro

comprensivo di sovrapprezzo, da eseguire entro il 31 luglio 2019 in forma

scindibile mediante emissione di azioni ordinarie.

lpg

(fine)

MF-DJ NEWS

1217:54 dic 2018