BORSA: commento di preapertura

MILANO (MF-DJ)--Si preannuncia un'apertura in frazionale rialzo per le borse europee dopo la riunione di ieri del Fomc.

Le indicazioni dei future, secondo quanto segnalano dalle sale operative, fanno presagire un avvio in ascesa per i principali listini con variazioni comprese tra il 0,2% e il 0,4%.

La Federal Reserve inizierà a ottobre la riduzione del

suo bilancio. La decisione era attesa, come pure il mantenimento dei tassi d'interesse in un range tra l'1% e l'1,25%, che è stato votato

all'unanimitá dai membri del Comitato di politica monetaria (Fomc).

"Come ampiamente atteso - commenta appunto Lee Ferridge di State Street Global Markets - il Fomc ha annunciato l'avvio del programma di riduzione del bilancio, facendo della Federal Reserve (Fed) la prima Banca Centrale a intraprendere il riassoribimento dopo l'implementazione del quantitative easing a seguito della crisi economica mondiale. Questo elemento è stato ampiamente evidenziato dai membri del Fomc e la Fed ritiene che si tratterà di un processo graduale e prevedibile che, di conseguenza, produrrà pochi sconvolgimenti sul mercato, se non addirittura nessuno".

Tutto questo, proseguono da State Street, può essere vero all'inizio, con la Banca Centrale che consentirà di riassorbire solo 10 miliardi di dollari al mese. "Nei mesi successivi, invece, tale cifra è destinata a crescere (con un aumento di 10 miliardi al mese ogni trimestre) e sarà accompagnata probabilmente dal tapering della Banca Centrale Europea (BCE) che inizierà nei primi mesi del 2018, rendendo il contesto della liquidità meno favorevole ai mercati finanziari".

Sul fronte macro da seguire oggi negli Usa le richieste settimanali di sussidi di disoccupazione e il superindice di agosto e nell'Eurozona la fiducia dei consumatori di settembre.

Sul paniere principale attenzione a Unicredit, in calo ieri sui rumors relativi a un recente interesse che l'istituto guidato da Jean Pierre Mustier avrebbe espresso al Governo tedesco per una possibile fusione con Commerzbank.

Focus anche su Banca Carige che, come sottolinea MF, ha aperto il tavolo con i detentori di obbligazioni tier 1 e lower tier 2 per definire le condizioni del liability management exercise, lo swap di debito junior in senior previsto dal piano di rafforzamento patrimoniale.

Occhi puntati nell'Aim Italia su Clabo che riunisce oggi il Cda per l'approvazione dei conti.

fus

(fine)

MF-DJ NEWS

2108:35 set 2017