BORSA: commento di preapertura

MILANO (MF-DJ)--Partenza vista positiva per le principali piazze europee.

"Avvio di seduta atteso in rialzo per l'azionario, nell'ordine del 1,2%. Il Ftse Mib e' visto in area 18.430 punti", afferma un esperto di una casa d'affari milanese. Venerdi' il principale indice di piazza Affari ha chiuso la seduta a quota 18.197 punti (-0,84%).

"Lo scontro Usa-Cina per ora non si e' tradotto in una modifica degli accordi commerciali tra i due Paesi, evidenzia l'esperto. Sul fronte macroeconomico, il Pmi manifatturiero cinese elaborato da Caixin è salito sui massimi da quattro mesi a maggio, grazie all'aumento della produzione con il ritorno in attivitá delle fabbriche nel Paese. Nel dettaglio il dato si è attestato a 50,7 punti dai 49,4 di aprile e, commenta l'esperto, "meglio del consenso posto a 49,7 punti".

Si attendono poi i Pmi manifatturieri di maggio di Italia (09,45), Francia (09h50), Germania (09h55) e dell'Eurozona nel suo complesso (10h00). Alle 10h30 verra' reso noto il dato relativo alla Gran Bretagna alle 15h45 quello degli Usa.

Sempre dagli Stati Uniti, alle 16h00 sono in agenda la pubblicazione dell'Ism manifatturiero di maggio e la spesa per costruzioni nel mese di aprile.

A piazza Affari da seguire Mediobanca, dopo che la Delfin di Leonardo Del Vecchio ha chiesto l'autorizzazione per salire fino al 20%.

Occhi puntati poi su Cattolica Ass., con l'Ivass che ha evidenziato la situazione di solvibilitá indebolita del Gruppo, della Capogruppo e di alcune controllate a seguito del deterioramento dei mercati finanziari conseguente alla diffusione della pandemia da Covid-19.

A seguito di queste considerazioni, l'Istituto di Vigilanza rileva la

necessitá di interventi di patrimonializzazione che si attende vengano

perseguiti mediante l'utilizzo integrale della delega proposta alla

prossima Assemblea Straordinaria dei soci convocata per il 26/27 giugno,

pari ad un aumento di capitale di 500 mln euro da effettuarsi entro

l'inizio dell'autunno. Viene anche richiesta entro fine luglio la presentazione all'Istituto di un piano a livello di Gruppo che descriva le azioni intraprese con riferimento anche alle controllate, riguardanti in particolare il monitoraggio della posizione di solvibilitá, di liquiditá, oltre ad un'analisi della scelta dei limiti di Risk Appetite Framework. Vengono inoltre richieste delle integrazioni e delle estensioni nelle analisi e nelle misure del cosiddetto "Piano di emergenza rafforzato".

pl

(fine)

MF-DJ NEWS

0108:23 giu 2020